Home

IVA PER CASSA: MODALITA' DI ESERCIZIO DELL'OPZIONE

Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 21 novembre 2012. L’opzione per la liquidazione dell’Iva per cassa si desume dal comportamento concludente del contribuente ed è comunicata nella prima dichiarazione annuale ai fini Iva da presentare successivamente alla scelta effettuata. A seguito di tale scelta dovrà essere riportata sulle fatture emesse l’annotazione che si tratta di operazione con “Iva per cassa” e l’indicazione dell’art. 32-bis del D.L. 22 giugno 2012, n. 83. L’opzione ha effetto a partire dal 1° gennaio dell’anno in cui è esercitata ovvero, in caso di inizio dell’attività nel corso dell’anno, dalla data di inizio dell’attività.L’opzione vincola il contribuente all’applicazione dell’Iva per cassa almeno per un triennio, salvi i casi di superamento della soglia dei 2 milioni di euro di volume d’affari, che comportano la cessazione del regime. Trascorso tale periodo minimo di permanenza nel regime prescelto, l’opzione resta valida per ciascun anno successivo, salva la possibilità di revoca espressa, da esercitarsi, con le stesse modalità di esercizio dell’opzione, mediante comunicazione nella prima dichiarazione annuale ai fini Iva presentata successivamente alla scelta effettuata. Si precisa che, ai fini del computo del triennio, se l’opzione è esercitata a partire dal 1° dicembre 2012, l’anno 2012 è considerato primo anno di applicazione del regime.