Home

ETICHETTE ALIMENTARI: ARRIVA L'OBBLIGO DI INDICAZIONE DELLO STABILIMENTO


ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI: DALL’ANNO PROSSIMO OBBLIGATORIA L’INDICAZIONE DELLA SEDE DI PRODUZIONE O CONFEZIONAMENTO

A partire dal 5 aprile 2018 sarà obbligatorio indicare sull’etichetta dei prodotti alimentari il luogo di produzione o, se diverso, di confezionamento, espresso con la località e l’indirizzo.
Questo è quanto previsto dal decreto legislativo n.145 del 15 settembre 2017, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.235 del 7 ottobre 2017. Stando alle nuove disposizioni è inoltre previsto un periodo transitorio di 180 giorni dalla data di pubblicazione del decreto n. 145/2017 in Gazzetta Ufficiale per lo smaltimento degli alimenti già immessi sul mercato o etichettati in difformità, o comunque fino ad esaurimento scorte dei prodotti in questione.
Decorso tale termine, il prodotto alimentare preimballato destinato al consumatore finale dovrà riportare sul preimballaggio (o sull’etichetta apposta) l'informazione relativa all'ubicazione dello stabilimento produttivo o di confezionamento, mentre gli alimenti destinati alla collettività per essere trasformati potranno riportare l’informazione suddetta sui documenti commerciali, purché questi accompagnino il prodotto o vengano inviati prima o contemporaneamente alla consegna.
La normativa prevede l’eccezione a tale obbligo nei casi in cui: la località sia già indicata in etichetta, contenuta nel marchio o consenta l’immediata identificazione dello stabilimento; la confezione riporti il marchio di identificazione o bollatura sanitaria.
Per la mancata osservanza della normativa è prevista una sanzione amministrativa che va dai 2.000 ai 15mila euro.
Per ogni informazione è a disposizione la segreteria (0498209762 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Padova 12 ottobre 2017