Home

IL PRESIDENTE BERTIN INCONTRA IL NUOVO QUESTORE PAOLO FASSARI

fassari bertinVISITA “NON SOLO DI PRESENTAZIONE” DEL PRESIDENTE DELL’ASCOM, PATRIZIO BERTIN AL NUOVO QUESTORE, PAOLO FASSARI.
“GIA’ AFFRONTATI TEMI COME LA CONTRAFFAZIONE E L’ABUSIVISMO CHE PREOCCUPANO PER LE VENDITE DI QUESTO PERIODO”

Più che una visita di presentazione.
“Decisamente di più – commenta il presidente dell’Ascom, Patrizio Bertin, al termine dell’incontro avuto questa mattina col nuovo questore di Padova, Paolo Fassari – dal momento che non ci siamo limitati ai convenevoli ma, per desiderio di entrambi, abbiamo già inquadrato i problemi che interessano, in generale, il nostro territorio ed, in particolare, il comparto del terziario, ovvero commercio, turismo e servizi”.
Ed ecco allora che, anche in considerazione del particolare periodo dell’anno, quando una buona quota delle imprese realizza la parte preponderante del proprio volume d’affari, abusivismo e contraffazione sono entrati a pieno titolo nello scambio di valutazioni tra il questore ed il presidente dell’Ascom, il quale era accompagnato dal direttore generale Otello Vendramin.
“Col questore – ha detto Bertin – abbiamo anche convenuto sull’opportunità di sviluppare al massimo una collaborazione che, in questi anni, non è mai venuta meno sia con la questura che con tutte le forze dell’ordine, ma che, prossimamente, avrà un significativo sviluppo. Uno sviluppo che si tradurrà nella partecipazione che il dottor Fassari farà al nostro consiglio direttivo che, nelle prime settimane dell’anno entrante, convocheremo proprio con l’obiettivo di correlare le preoccupazioni del nostro comparto con gli strumenti e con le iniziative che la questura pone ed intenderà porre in funzione di una sempre maggiore tranquillità che, per ciò che ci riguarda, ha un importante trasferimento sul successo delle attività legate al commercio e, soprattutto, al turismo che, proprio perché conseguente all’immagine che una città offre sul piano della legalità, dipende non solo dalle proposte culturali e dagli eventi, ma anche dalla sicurezza”. 


Padova 7 dicembre 2017