Home

L'ASCOM A MIRA CON ZAIA E MARCATO: SUBITO GLI AIUTI

IL PRESIDENTE DELL’ASCOM BERTIN COL GOVERNATORE ZAIA E L’ASSESSORE REGIONALE MARCATO IN RIVIERA DEL BRENTA SUI LUOGHI DELLA CATASTROFE.
“GLI EFFETTI SONO QUELLI DI UN TERREMOTO. GENTE DALLA LEVATURA MORALE ECCEZIONALE, MERITANO TUTTO IL NOSTRO AIUTO”
Non è il suo ambito territoriale ma ciò non toglie che l’Ascom di Padova si senta particolarmente vicina alla gente della Riviera colpita dall’eccezionale catastrofe di mercoledì.
Così questa mattina, assieme al Governatore del Veneto, Luca Zaia e all’assessore regionale al commercio, Roberto Marcato, il presidente dell’Ascom, Patrizio Bertin, ha voluto rendersi conto di persona delle necessità degli operatori dell’area.
“Ci sono due cose – ha detto Bertin al rientro – che balzano subito agli occhi: la prima è la violenza con cui la natura ha voluto ricordarci che ad essa dobbiamo rispetto e che nei suoi confronti, in certi frangenti, possiamo ben poca cosa, la seconda è la dignità e la determinazione con cui le nostre genti affrontano la catastrofe: ci si rimbocca le maniche e si cerca di ripartire. Nel dramma, un segnale di grande levatura morale che dovrebbe far riflettere le istituzioni nazionali”.
Per il presidente dell’Ascom servono adesso i fatti.
“Se non si viene sul posto – ha detto – non si può comprendere l’enormità del disastro. Gli effetti sono quelli di un terremoto di magnitudo altissima con almeno 400 abitazioni gravemente danneggiate se non proprio rase al suolo. Io ho parlato con i colleghi commercianti e la preoccupazione adesso non è solo per chi ha subito danni ma anche per chi, operando nell’area, dovrà fare i conti con consumi ridotti all’osso. Non sarà semplice né facile uscire da questa situazione di emergenza e per questo dobbiamo essere vicini a questi nostri conterranei”.

“Per quanto ci riguarda – ha continuato Bertin - abbiamo messo a disposizione il nostro Terfidi per eventuali necessità di credito da parte dei nostri associati (sebbene non sia nostra la copertura territoriale ne abbiamo qualcuno che in queste ore ci ha segnalato di aver subito danni ingenti), così come abbiamo dato il nostro appoggio alla raccolta di fondi che i colleghi del Piovese stanno organizzando. Per quanto mi riguarda non mancherò di sostenere la nostra rappresentanza regionale che si è fatta parte in causa, così come sono in contatto col presidente di Unioncamere, Fernando Zilio, perché anche dal sistema delle Camere di Commercio giunga un segnale di vicinanza a persone, lo ripeto, che stanno dimostrando una forza morale degna della grande tradizione delle genti venete”.

 

Padova, 10 luglio 2015