Home

07/10/2020 - Credito d’imposta per canoni di locazione ex art. 28, D.L. n. 34/2020

Credito d’imposta per canoni di locazione ex art. 28, D.L. n. 34/2020

Con Risposta ad Interpello 5 ottobre 2020, n. 440, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla fruibilità del credito d’imposta per canoni di locazione relativi a immobili ad uso non abitativo e a contratti di affitto d’azienda, ex art. 28, D.L. n. 34/2020, nel caso di versamento anticipato del canone.
Nel caso di specie, un titolare di attività a carattere stagionale ha pagato in anticipo, all’atto di sottoscrizione del contratto di affitto d’azienda avvenuto nel dicembre 2019, i canoni di locazione relativi ai mesi di aprile, maggio e giugno 2020.
In particolare, l’Agenzia delle Entrate evidenzia che la Circolare n. 14/2020 ha precisato che nel caso di versamento anticipato del canone, vanno individuate le rate relative ai mesi di fruizione del beneficio, parametrandole alla durata complessiva del contratto. Quindi, il titolare dell’attività a carattere stagionale può fruire del credito d’imposta previsto dal Decreto Rilancio, calcolando l’importo di ciascuna delle rate relative ai mesi di possibile fruizione dell’agevolazione.
L’Agenzia segnala inoltre che nel caso di specie essendo stato traferito il possesso dell’azienda nel dicembre 2019, il calcolo della riduzione del fatturato, ex comma 5, art. 28, D.L. n. 34/2020, va effettuato dal soggetto avente causa del trasferimento confrontando l’ammontare del fatturato di ciascuno dei mesi di possibile fruizione del beneficio rispetto al fatturato dell’azienda trasferita riferibile ai medesimi periodi del 2019, anche se nei predetti periodi l’azienda era in possesso del dante causa.

Indice completo SeacInfo

Radiato dall’albo il consulente finanziario anche se agisce come dipendente

Il consulente finanziario è passibile di radiazione dall’albo anche quando la condotta sanzionata viene tenuta in quanto dipendente di una banca e non in virtù di un rapporto fuori sede.
È quanto statuito dalla Cassazione, con la Sentenza n. 21131/2020, con la quale la Corte ha deciso a favore della richiesta di radiare un consulente che, in veste di dipendente della banca, aveva distratto delle somme di una correntista. I giudici infatti, hanno precisato che il lavoratore, in quanto iscritto all’albo, è tenuto a rispettare le linee guida ivi previste e pertanto a nulla rileva che lo stesso non fosse mai entrato in contatto con la correntista in qualità di consulente.

Indice completo SeacInfo

Le novità all’interno del decreto immigrazione

È stato approvato dal consiglio dei ministri nella seduta n. 65 del 5 ottobre 2020, un Decreto Legge contenente disposizioni urgenti riguardanti l’immigrazione, la protezione internazionale e complementare, le misure sul divieto di accesso agli esercizi pubblici ed ai locali di pubblico intrattenimento e le misure di contrasto allo spaccio di stupefacenti attraverso il web.
Con tale decreto vengono inoltre introdotte modifiche alla disciplina

·  dei prerequisiti ai fini del rilascio del permesso di soggiorno per necessità protettive del cittadino straniero;

·  delle limitazioni all’entrata e al transito di navi in acque italiane e delle relative sanzioni;

·  di inapplicabilità della causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto per alcuni reati.

Indice completo SeacInfo

Ministero del Lavoro: FAQ sull’accesso ai servizi telematici tramite SPID

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con Nota n. 7149 del 29 settembre, è intervenuto in materia di SPID con delle FAQ pubblicate sul proprio portale istituzionale, in risposta alla richiesta del Consiglio Nazionale dell’Ordine sull’esercizio della delega ai collaboratori delegati e sulle Società tra professionisti.
In particolare, il dicastero ha precisato che i collaboratori:

·  potranno accedere e operare per conto del Professionista previa accettazione di una delega o richiesta di associazione allo studio. I consulenti e i collaboratori potranno operare contemporaneamente nel portale;

·  dovranno aver eseguito almeno un accesso al portale con credenziali SPID dal 15 novembre 2020 perché il Professionista possa inviargli deleghe;

·  potranno accedere con uno SPID personale di primo livello.


Per quanto riguarda, invece, le So cietà tra professionisti, al Consulente del Lavoro unico socio professionista e responsabile di una STP è richiesto uno SPID personale per l’accesso ai servizi digitali.

Indice completo SeacInfo