Home

09/10/2020 - Runts: pubblicato sul sito del MLPS il Decreto attuativo

Runts: pubblicato sul sito del MLPS il Decreto attuativo

Sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali è stato pubblicato il D.M. 15 settembre 2020, n. 106 il quale, in attuazione dell’art. 53, comma 1, D.Lgs. 3 luglio 2017 n. 117 (cd. "Codice del Terzo Settore") definisce:

·  la procedura per l’iscrizione nel Registro unico nazionale del Terzo settore (RUNTS);

·  le modalità di deposito degli atti nel Registro;

·  le regole per la predisposizione, la tenuta, la conservazione e la gestione del Registro.


Il Decreto è in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Indice completo SeacInfo

Comodato e agevolazioni in materia di piccola proprietà contadina

Con Risposta ad Interpello 8 ottobre 2020, n. 458, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla fruibilità delle agevolazioni in materia di piccola proprietà contadina ex art. 2, comma 4-bis, D.L. n. 194/2009, nel caso di trasferimento dei terreni in comodato.
Nel caso di specie, una società agricola ha acquistato alcuni fondi agricoli ed ha chiesto le agevolazioni in materia di piccola proprietà contadina (imposte di registro ed ipotecaria nella misura fissa ed imposta catastale nella misura dell’1%).
Successivamente, prima che siano decorsi i cinque anni dall’acquisto del fondo, la società ha deciso di affidare, con contratto di comodato, al socio, coltivatore diretto e amministratore e legale rappresentante della società, la coltivazione dei terreni societari.
L’Agenzia delle Entrate precisa che l’agevolazione per la piccola proprietà co ntadina persiste nei confronti della società agricola purché il soggetto comodatario:

·  continui a mantenere la qualifica di socio nella società comodante;

·  coltivi direttamente il fondo;


questo in quanto il socio in questione (coltivatore diretto) avrebbe avuto lui stesso la possibilità di accedere all’agevolazione in questione.
Infine, l’Agenzia evidenzia che la società, per non incorrere nella decadenza dall’agevolazione, deve mantenere, nel quinquennio, i requisiti di impresa agricola professionale.

Indice completo SeacInfo

Conciliazione giudiziale: la Cassazione limita l’inoppugnabilità al solo oggetto di giudizio

L’Ordinanza n. 20913 del 30 settembre 2020 della Corte di Cassazione introduce un’importante novità sulla conciliazione giudiziale tra datore di lavoro e lavoratore, ampliando i casi di impugnazione delle rinunce e delle transazioni avvenute in tale sede.
Invero, l’articolo 2113 del cod. civ. prevede che non sono impugnabili le rinunce o le transazioni dei diritti del lavoratore quando queste avvengono in sede protetta (giudiziale o sindacale). La Suprema Corte tuttavia, con la pronuncia in esame restringe tale margine di inoppugnabilità limitandolo alle sole situazioni incluse tra le domande azionate in giudizio. Pertanto, restano scoperte tutte le intese che, pur essendo definite in sede giudiziale, non costituiscono oggetto della lite.

Indice completo SeacInfo

Non è deducibile la spesa per la trasferta se manca la specifica documentazione

Le spese di trasferta sostenute dal lavoratore non possono essere escluse dalla retribuzione imponibile se non vengono provate le specifiche trasferte giustificative dei chilometri effettuati per raggiungere il luogo di lavoro.
È quanto deciso dalla Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 21597 del 7 ottobre 2020, nella quale precisa che la norma fiscale che prevede la deducibilità dell’indennità di trasferta va interpretata in modo restrittivo, pertanto quando manchi una puntuale documentazione di supporto che attesti il costo di percorrenza di ciascuna trasferta, questo rientra all’interno della retribuzione imponibile.

Indice completo SeacInfo

Domanda di rinnovo del reddito di cittadinanza: precisazioni INPS

In tema di reddito di cittadinanza è intervenuto l’INPS, con il Messaggio n. 3627 dell’8 ottobre 2020, a fornire precisazioni in merito alla presentazione della domanda di rinnovo del beneficio al termine del godimento delle 18 mensilità.
In particolare, vengono trattate le seguenti casistiche:

·  variazione della composizione del nucleo familiare;

·  variazione della situazione economica del nucleo e mancato rispetto dei requisiti economici;

·  presentazione della domanda per il beneficio dopo un provvedimento di revoca o decadenza sanzionatoria.

Indice completo SeacInfo

Soppressione FONDINPS da ottobre: istruzioni INPS

L’INPS, con il Messaggio n. 3600 dell’8 ottobre 2020, recepisce quanto disposto dal Decreto n. 85/2020 del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali adottato di concerto con il Ministro dell’Economia e delle finanze, ai sensi dell’art. 1, co. 173, della Legge n. 205/2017, che dispone la soppressione di FONDINPS.
In particolare, il Messaggio chiarisce che, a partire da ottobre 2020, i datori di lavoro non dovranno più versare a FONDINPS le quote di TFR maturando dei lavoratori silenti, ossia di quei lavoratori che non hanno comunicato al datore di lavoro nei termini di legge l’adesione ad alcuna forma pensionistica complementare o di voler conservare il proprio TFR in azienda.
Sempre a decorrere dal mese di ottobre, le quote di TFR maturando dei nuovi iscritti taciti affluiranno al Fondo COMETA.
Infine, per i lavoratori già iscritti a FONDINPS, il Commissario liquidatore di FONDINPS dovrà adottare, d’intesa con il Fondo COMETA, un apposito piano di attività per il passaggio a quest’ultimo delle posizioni individuali dei soggetti già iscritti a FONDINPS alla data di chiusura del Fondo alle nuove adesioni.

Indice completo SeacInfo

Ordinanza del Ministero della Salute: nuove misure per il contenimento del virus COVID-19

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 249 dell’8 ottobre 2020 l’Ordinanza del Ministero della Salute del 7 ottobre 2020, con la quale sono state modificate le disposizioni della precedente Ordinanza del 21 settembre 2020.
L’Ordinanza, la quale produce effetti dall’8 ottobre 2020 e fino all’adozione di un nuovo DPCM (e comunque non oltre il 15 ottobre 2020), prevede che, per l’ingresso in Italia delle persone che nei 14 giorni precedenti hanno soggiornato o transitato in Belgio, Francia, Paesi Bassi, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Repubblica Ceca e Spagna, sono previsti i seguenti obblighi, alternativi tra loro:

·  di presentare al vettore all’atto dell’imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli l’attestazione di essersi sottoposti a tampone nelle 72 ore pr ecedenti con risultato negativo;

·  di fare il test del tampone all’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine, o entro 48 ore dall’ingresso in Italia, in attesa del quale devono rimanere in isolamento fiduciario presso la propria abitazione o dimora.


Le suddette persone sono altresì obbligate a comunicare immediatamente, anche se asintomatiche, il proprio ingresso in Italia al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio e a segnalare in modo tempestivo, in presenza di sintomi COVID-19, la situazione all’Autorità sanitaria e, nell’attesa, restare in isolamento.

Indice completo SeacInfo