Home

14/10/2020 - Istanza per contributo a fondo perduto: Risoluzione

Istanza per contributo a fondo perduto: Risoluzione

Con Risoluzione 11 ottobre 2020, n. 65, l’Agenzia delle Entrate ha dato il via libera alle istanze di autotutela per le richieste di contributo a fondo perduto (articolo 25, D.L. n. 34/2020) erogato a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.
I contribuenti che, a causa di errori individuati solo successivamente all’accreditamento della somma, si sono visti versare un importo inferiore a quello dovuto possono trasmettere tramite PEC un’istanza alla Direzione provinciale dell’Agenzia delle entrate competente, specificando i motivi di errore o l’impossibilità di trasmettere nei termini l’istanza sostitutiva per la quale è stata consegnata una seconda ricevuta di scarto.
Qualora dall’esame dell’istanza dovesse:

·  essere confermato l’esito comunicato in relazione alla istanza iniziale l’Ufficio notificherà motivato diniego di annullament o/revisione;

·  emergere la correttezza della stessa, l’Agenzia delle Entrate provvederà ad effettuare il mandato di pagamento della quota parte del contributo a fondo perduto ancora spettante.

Indice completo SeacInfo

Lotteria degli scontrini: parere favorevole del Garante della privacy

Con Provvedimento 1° ottobre 2020, n. 172 il Garante della privacy ha espresso parere favorevole sullo schema di provvedimento del direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, d’intesa con l’Agenzia delle entrate, che completa l’attuazione della lotteria degli scontrini.
Secondo quanto si apprende dal parere dal Garante le nuove disposizioni andranno a modificare il precedente Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate e Dogane 5 marzo 2020 aggiornando l’entità e il numero dei premi, le operazioni di estrazione e le modalità di attribuzione dei premi aggiuntivi per i consumatori che pagano l’intero importo con strumenti elettronici (bancomat, carta di credito) nonché per gli esercenti che hanno emesso lo scontrino vicente (c.d. "estrazioni zero contanti").
Lo schema tiene conto delle indicazioni fornite dal Garante e assicura la piena conformità al Regolamento europeo su lla privacy (Gdpr).

Indice completo SeacInfo

Licenziamento legittimo anche quando il datore non subisce un danno

Le ipotesi di giusta causa o giustificato motivo di recesso datoriale elencate dai contratti collettivi hanno valore meramente esemplificativo e non possono pertanto esimere il giudice di merito dal valutare l’idoneità di un grave inadempimento del lavoratore a ledere il rapporto fiduciario con il datore di lavoro.
È quanto statuito dalla Corte di Cassazione con la Sentenza n. 21739 dell’8 ottobre 2020, nella quale precisa che il giudice è tenuto a valutare se l’illecito contestato violi i doveri di fedeltà e diligenza verso il datore, anche quando, secondo le previsioni del contratto collettivo, il fatto che integra il licenziamento non sussiste poiché la società non ha subito un danno.

Indice completo SeacInfo

Emergenza coronavirus: l’INAIL ribadisce la proroga delle misure urgenti anti contagio

A seguito dell’emanazione del dpcm del 13 ottobre 2020, è intervenuto l’INAIL con una comunicazione sul suo sito in data 13 ottobre 2020, a ribadire che con il nuovo dpcm sono state prorogate le misure urgenti per il contenimento del contagio.
L’istituto sottolinea altresì che i corsi di formazione, i corsi abilitanti o comunque autorizzati dal ministero delle infrastrutture ed i corsi sulla salute e sicurezza sono ammessi purché siano rispettate le prescrizioni regionali e le misure contenute nel documento tecnico pubblicato dall’INAIL stesso.

Indice completo SeacInfo

Illegittimo il licenziamento del dirigente che pratica sconti al cliente storico

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 22074 del 13 ottobre 2020, ha ritenuto illegittimo il licenziamento del dirigente di un supermercato per aver praticato sconti ad un cliente di riguardo.
La Suprema Corte infatti, ha puntualizzato che la scelta del dirigente rientra tra i poteri ad esso assegnati in quanto finalizzata esclusivamente all’interesse aziendale e non, invece, come affermato dal datore, ad un guadagno personale. Pertanto, i giudici di legittimità non hanno individuato nel caso di specie una lesione del vincolo fiduciario.

Indice completo SeacInfo

In Gazzetta il nuovo DPCM con misure straordinarie anti COVID-19 efficaci fino al 13 novembre 2020

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 253 del 13 ottobre 2020 è stato pubblicato il DPCM 13 ottobre 2020, che dispone nuove misure straordinarie anti COVID-19 applicabili all’intero territorio nazionale, tra cui l’obbligo di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, che vanno obbligatoriamente indossati nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto, ad eccezione dei casi in cui sia assicurata continuativamente la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi.
Non sono soggetti all’obbligo:

·  coloro che stanno svolgendo attività sportiva;

·  i bambini al di sotto dei 6 anni;

·  i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti.


Sono fatti salvi i protocolli e le linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali, nonché le linee guida per il consumo di cibi e bevande.
Le disposizioni del presente DPCM sono efficaci a decorrere dal 14 ottobre e fino al 13 novembre 2020.

Indice completo SeacInfo

Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Legge di conversione del DL Agosto

È stata pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 37/L alla Gazzetta Ufficiale n. 253 del 13 ottobre 2020 la Legge n. 126/2020 recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, recante misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia".
Tra le misure che sono state confermate in sede di conversione, si segnalano in particolare:

·  prolungamento della cassa integrazione per un massimo di 18 settimane complessive fino al 31 dicembre 2020;

·  decontribuzione per le assunzioni stabili;

·  proroga di NASpI e DIS-COLL;

·  esonero contributivo alternativo ai trattamenti di integrazione salariale;

·  proroga del divieto di licenziamento per GMO/licenziamento collettivo per i datori di lavoro che non abbiano fruito integralmente dei trattamenti di integrazione salariale riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19 ovvero del nuovo bon us contributivo riconosciuto ai datori di lavoro che rinunciano alla CIG, fatte salve le eccezioni previste;

·  fino al 31 dicembre 2020, rinnovo o proroga dei contratti di lavoro a termine per massimo 12 mesi, senza indicare le ordinarie causali, ferma la durata massima complessiva di 24 mesi.


Tra le novità principali per i datori di lavoro, introdotte dalla Legge di conversione, si riportano in particolare:

·  lavoro agile o congedo straordinario per genitori dipendenti con figli conviventi di età inferiore ai 14 anni in quarantena;

·  per i lavoratori fragili, fino al 15 ottobre 2020, equiparazione del periodo di assenza dal servizio al ricovero ospedaliero, in presenza di certificazione rilasciata dai competenti organi medico legali;

·  modalità ordinaria di lavoro agile per i lavoratori fragili, per il periodo compreso tra il 16 ottobre e il 31 dicembre 2020;

·  abrogazione della norma che consentiva al datore di lavoro di revocare i licenziamenti per GMO adottati nell’anno 2020, qualora avesse richiesto il trattamento di cassa integrazione salariale;

·  impiego da parte dell’utilizzatore per periodi anche superiori a 24 mesi del medesimo lavoratore somministrato, se questi è assunto a tempo indeterminato dall’agenzia di somministrazione.

Indice completo SeacInfo