Home

COL BONUS ROTTAMAZIONE VENDITE DI TELEVISORI QUINTUPLICATE

TOFFANO (ASCOM CONFCOMMERCIO PADOVA): “PRIVILEGIATI I NEGOZI FISICI MA ADESSO PROBLEMI PER GLI APPROVVIGIONAMENTI”

Vendite quintuplicate. E tutto questo nel giro di un mese e mezzo.
“Ci aspettavamo un aumento delle vendite di televisori, questo è vero – dichiara il presidente dei commercianti del comparto elettronico dell’Ascom Confcommercio di Padova, Leopoldo Toffano – ma non certamente in queste proporzioni”.
In effetti il bonus di Stato per l’acquisto di un televisore nuovo o, in subordine, di un decoder in grado comunque di rendere visibili i segnali delle emittenti a partire dal prossimo 20 ottobre, sta convincendo molti a sostituire l’apparecchio che, come noto, va rottamato presso lo stesso rivenditore ottenendo in cambio uno sconto sul prezzo di vendita del 20% con un massimo di 100 euro per le tv nuove e di 30 euro per i decoder.
“Il bonus – continua Toffano – sta contribuendo non solo all’aumento delle vendite ma anche all’aumento del valore medio dell’acquisto che, adesso, si attesta tra i 400 ed i 550 euro”.
C’è poi un altro aspetto che non va sottovalutato.
“Ed è quello – aggiunge il presidente dei commercianti di elettronica dell’Ascom Confcommercio – che vede la maggior parte delle vendite appannaggio dei negozi fisici a scapito del canale web”.
Dunque tutto bene?
“In verità – conclude Toffano – un problema c’è. Dopo che negli scorsi mesi avevamo accumulato scorte di televisori in magazzino perché l’effetto annuncio del bonus non seguito dal varo del provvedimento aveva stoppato le vendite, adesso siamo nella situazione opposta: non solo abbiamo scorte ridotte ai minimi termini, ma facciamo fatica ad approvvigionarci di televisori considerate le note difficoltà connesse ai microchip e alla penuria di container in grado di trasportare le merci dall’Estremo Oriente”.

Padova 16 ottobre 2021