Home

ALLARME PENSIONI: SERVE UNA SOLUZIONE CONDIVISA

NEL 2050 UN LAVORATORE AVRA’ UN PENSIONATO A CARICO.
BERTIN (ASCOM CONFCOMMERCIO PADOVA): “SUL TEMA DELLE PENSIONI SERVE UNA SOLUZIONE CONDIVISA TRA DATORI DI LAVORO E SINDACATI DEI LAVORATORI”

Nel 2050 ogni lavoratore avrà un pensionato a carico.
L’allarme, un paio di giorni fa, è stato lanciato dalla Fondazione Leone Moressa, ma è solo l’ultimo in ordine di tempo.
“La verità – commenta il presidente dell’Ascom Confcommercio di Padova, Patrizio Bertin – è che una soluzione si impone, ma se si continua ad andare in ordine sparso non si raggiunge nessun obiettivo”.
In questi giorni, governo e parti sociali si sono incontrati al Ministero del Lavoro al fine di avviare un confronto sul tema delle pensioni.
“Non vi è dubbio – continua Bertin – che si debba arrivare ad una piattaforma unitaria, perché tirare l’acqua al proprio mulino è legittimo ma serve fino ad un certo punto”.
Dunque: se deve esserci una piattaforma di confronto governo – parti sociali è bene che la piattaforma sia condivisa sia dai datori di lavoro che dai sindacati dei lavoratori.
“Quello di cui il sistema ha bisogno – sottolinea il presidente dell’Ascom Confcommercio di Padova – è di una vera e propria riforma perchè sono circa trent'anni che ogni anno si cambia qualcosa senza incidere sulla sostanza del problema e poi servono più certezze perché la gente ha tutto il diritto di programmarsi la vita e quindi di sapere con esattezza quando e come potrà andare in pensione".
Ovvio che a Bertin non sfugga che il nodo centrale della questione siano le risorse.
“Un sistema sostenibile è alla base di tutto – conclude il presidente - e questo significa che il sistema contributivo deve diventare reale per tutti". 

PADOVA 24 GENNAIO 2023