Home

IL NEOCOSTITUITO ENTE BILATERALE TURISMO PADOVA TERME EUGANEE


CORSI DI LINGUE, DEGUSTAZIONE BIRRA, MASSAGGI E SICUREZZA: SCATTA L’OPERATIVITA’ DEL NEOCOSTITUITO ENTE BILATERALE TURISMO PADOVA TERME EUGANEE CHE GARANTISCE SUSSIDI AI DIPENDENTI E ALLE AZIENDE.
IL PRESIDENTE GOTTARDO: “INTERESSATI 10MILA LAVORATORI E MILLE AZIENDE PER UN FATTURATO COMPLESSIVO DI 500 MILIONI DI EURO

”Si comincia subito con i corsi di lingua russa, tedesca ed inglese (ma poi ci saranno anche quelli di cinese e giapponese), con i corsi di addetto alla sala, di degustazione birra, di varie tipologie di massaggi e di sicurezza obbligatoria sul lavoro. Tutto rigorosamente gratis per i lavoratori del turismo di Padova e provincia in quanto benefit derivanti dall’appartenere al nuovo Ente Bilaterale Turismo Padova Terme Euganee che, dopo la fusione tra l’Organismo Bilaterale Termo Alberghiero e l’Ente Bilaterale della provincia di Padova Settore Turismo, è ora un unicum in grado di fornire agli aderenti un maggior numero di servizi.
“Ad essere interessati – spiega il presidente del nuovo Ente Bilaterale, Marco Gottardo – sono circa 10 mila lavoratori, un migliaio di aziende (tra alberghi, ristoranti, pubblici esercizi, agenzie di viaggio, attività all'aria aperta) che sviluppano un fatturato complessivo che supera i 500 milioni di euro”.
L'Ente Bilaterale Turismo Padova Terme Euganee rappresenta uno strumento per lo svolgimento delle attività in materia di occupazione, mercato del lavoro, formazione e qualificazione professionale ed è stato costituito dalle principali associazioni di categoria turistiche della provincia di Padova (Federalberghi Ascom Padova, Federalberghi Terme Abano Montegrotto, Appe, Fiavet Padova e Faita Veneto) e le maggiori organizzazioni sindacali firmatarie dei contratti di lavoro nazionali e locali (Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uitucs Uil). 
Tre gli ambiti di intervento del neocostituito organismo: sussidi ai dipendenti, sussidi alle aziende e, come detto in apertura, corsi di formazione.
“In quest’ultimo contesto – continua Gottardo – riserviamo grande attenzione alla sicurezza sul lavoro, alle lingue straniere, all’informatica (compreso il web design) e agli aggiornamenti professionali”.
Dove non sono previsti solo corsi per così dire “tradizionali” (cucina, pasticceria, barman) ma si affrontano anche tematiche come le tecniche di housekeeping e quelle di degustazione, fino ai corsi di fotografia e photoshop.
“Ai dipendenti – aggiunge il vicepresidente Fernando Bernalda – garantiamo sussidi per le protesi, contributi per asili nido e scuole materne, contributi per le spese sanitarie per i figli disabili, acquisti dei libri scolastici, bonus cultura e bonus sport, terme e benessere”.
“Alle aziende – conclude il presidente Gottardo – offriamo, tra gli altri, sussidi per i corsi di formazione, per i servizi di posta certificata e cloud, per gli acquisti di divise da lavoro, per le nuove tecnologie, per le assunzioni sia a tempo indeterminato che determinato e fino alla redazione di piani formativi individuali degli apprendisti da parte di enti accreditati”.
L'Ente, che è operativo dallo scorso luglio e che ha la propria sede legale ed operativa presso l’Ascom Confcommercio in piazza Bardella a Padova (ma rimane aperta anche la vecchia sede dell’OBTA di Abano in piazza Biagio Marin), rappresenta la più grande organizzazione della filiera turistica della provincia di Padova per quanto concerne le politiche attive del lavoro.
Viene finanziato con una quota percentuale mensile pagata da aziende e lavoratori a valere sul monte salari, così come definito dai contratti di lavoro. 

Padova 14 settembre 2018