Home

LA SITUAZIONE DEGLI ALBERGHI A PADOVA: MANCANZA DEL TURISMO BUSINESS, DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE E DEI CONVEGNI

GLI ALBERGHI PADOVANI A META’ DEL GUADO TRA PANDEMIA E ATTESA PER LA RIPRESA DEL TURISMO CULTURALE E BUSINESS.
MONICA SORANZO (PRESIDENTE PADOVA HOTELS FEDERALBERGHI ASCOM): “PARADOSSALMENTE STIAMO SOFFRENDO POCO PERCHE’ STIAMO SOFFRENDO DA TEMPO”.
LE SPERANZE LEGATE ALLA CAMPAGNA VACCINALE, AD URBS PICTA E AL CENTRO CONGRESSI

“Padova? Un po’ a metà del guado”.
Usa una metafora “fluviale” Monica Soranzo, presidente di Padova Hotels Federalberghi Ascom per definire la situazione degli alberghi cittadini a pochi giorni dalla decisione dell’Unesco su Urbs Picta.
“A dire il vero – commenta – disdette non ne riceviamo se non quelle fisiologiche che accompagnano l’attività di noi albergatori. In albergo la gente si sente sicura: lo dice l’88% degli italiani secondo un’indagine di Federalberghi. Vero è che il mare sta andando bene visto che può contare sul turismo domestico e sulla buona presenza di austriaci e tedeschi. Per contro stanno soffrendo le città d’arte di grande richiamo: Venezia, Firenze e Roma scontano l’assenza soprattutto di americani e cinesi e Padova, in questo senso, qualcosa lascia sul campo considerato che talune strutture, quando ad esempio gli orientali erano di casa tra le calli, fungevano da approdo in terraferma per gruppi che, in pullman, raggiungevano la Serenissima nel giro di una mezz’oretta. Adesso non è così”.
Ma Padova?
“Padova, come dicevo, è a metà strada: siamo città d’arte tra le più belle ma non tra le più visitate e questo significa che la ripresa di questi mesi non è che si sia fatta sentire più di tanto. Quello che invece ci zavorra pesantemente (e lo fa dall’inizio della pandemia) è la mancanza del turismo business, delle manifestazioni fieristiche, dei convegni. Paradossalmente: soffriamo poco perché stiamo soffrendo da tempo!”
Urbs Picta potrebbe essere un buon trampolino di lancio?
“Ovvio. Se non altro il riverbero mediatico che, si spera, potrà seguire all’attribuzione del sito Unesco (e qui incrociamo le dita!) potrà portare nuova linfa ad un mercato turistico che la pandemia ha messo all’angolo. Però se c’è qualcosa su cui speriamo questa è la nuova attività che sta per svilupparsi nel quartiere fieristico: manifestazioni, università e, soprattutto, centro congressi. Se quel sito decolla l’abbinata con Urbs Picta potrebbe diventare vincente”.
In ogni caso, più ancora di tutto questo messo assieme, c’è la campagna vaccinale che, nelle valutazioni della presidente Soranzo, può giocare un ruolo decisivo.
“Quando la maggior parte della popolazione mondiale sarà vaccinata – conclude – potremo parlare di ripresa. Nel frattempo non sarebbe male se il governo ci venisse incontro con prestiti assistiti da garanzia pubblica e se gli incentivi per la ristrutturazione degli alberghi non fossero elargiti col braccino corto!”

PADOVA 19 LUGLIO 2021