Home

“SALTA” LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI COMMERCIALI

SILVIA DELL’UOMO (PRESIDENTE FIMAA ASCOM CONFCOMMERCIO PADOVA): “UNA PUGNALATA ALLE SPALLE PER IL SETTORE IMMOBILIARE E PER TUTTO IL COMMERCIO”
Vuole essere comunque propositiva e azzarda: “Spero che si convertano sulla via di Damasco!”
Ma non è poi così sicura Silvia Dell’Uomo, presidente degli agenti immobiliari della Fimaa Ascom Confcommercio di Padova, alle prese con l’ennesima giravolta sulla cedolare secca sugli affitti commerciali.
Dalla manovra economica, infatti, salta la proroga per la cedolare secca al 21%, l’aliquota agevolata introdotta dalla legge di bilancio 2019 per i contratti di locazione commerciale stipulati nell’anno in corso.
“Tutto lasciava presagire – continua Dell’Uomo – che sarebbe stata confermata anche per il 2020, ma in commissione bilancio del Senato sono stati bocciati gli emendamenti sul tema”.
Tutto questo a fronte di una crisi senza precedenti che sta attanagliando i negozi, in parte vittime proprio dell’incertezza ed in parte agnello sacrificale di uno strapotere di internet e delle multinazionali al riparo dalla tasse nei porti dei paradisi fiscali.
“Bene – osserva la presidente degli agenti immobiliari dell’Ascom Confcommercio padovana – non solo non si fa nulla per disincentivare la concorrenza sleale, ma si fa di tutto (e questa mancata proroga ne è la cartina di tornasole) per favorire la chiusura dei negozi tradizionali, non solo a danno del comparto immobiliare ma anche del commercio al dettaglio e della sicurezza delle nostre città, che vedono sempre più vetrine spegnersi e saracinesche chiudere definitivamente”. 
La proroga dell’aliquota, pur non rappresentando l’unico elemento a potenziale favore, avrebbe comunque favorito la locazione degli immobili commerciali sfitti, rivitalizzando il tessuto sociale delle città e disincentivando la desertificazione dei centri storici.
"Resta poi un rammarico di fondo – conclude Silvia Dell’Uomo – ed è quello di vedersi cambiare le carte in tavola ad ogni piè sospinto. E questo, pur non rappresentando una novità, per chi fa impresa ha il valore di una pugnalata alle spalle”.

Padova 12 dicembre 2019